Dimissioni fa rima con Maroni

Il Ministro dell’Interno Roberto Maroni è uno dei pochi ministri la cui popolarità non viene scalfita dall’inesistente azione di governo. Anzi mentre gli altri perdono terreno e popolarità tra la gente, i sondaggi registrano un aumento (gradimento personale al 60%) nella popolarità del titolare del Viminale. Decisamente in controtendenza con il sentore che c’è nel paese, quindi, vorrei elencare cinque – gravi – buoni motivi per cui Roberto Maroni farebbe bene a dimettersi:

1 – Maroni è stato l’autore della rimozione ingiustificata (in base però alla legge 26 che introduce la provincializzazione della gestione della raccolta rifiuti in Campania) del sindaco di Camigliano (Ce), Vincenzo Cenname, “colpevole” di aver raggiunto, attraverso un’impeccabile autogestione dei rifiuti, il 60% di raccolta differenziata. Un record in regione. A dimostrazione che gli esempi virtuosi in Campania non sono un modello da diffondere. Per avere un metro di paragone lo stesso ministro ha impiegato oltre un anno per valutare l’opportunità di sciogliere il comune di Fondi per infiltrazioni camorristiche, decisione giunta dopo le dimissioni del sindaco;

2 – Roberto Maroni ha dichiarato, recentemente, che “se il governo Berlusconi dovesse cadere non ci sarebbe alternativa al voto”. Il Ministro dovrebbe però sapere che, in base alla Costituzione, tale potere decisionale spetta al presidente della Repubblica il quale, una volta valutate l’eventuale assenza di maggioranze alternative a quella attuale, può sciogliere le Camere. E per fortuna che il Viminale, di cui Maroni ne è il titolare, è responsabile della regolamentazione e del controllo per il corretto svolgimento delle elezioni.

3 – Nel caso Ruby il ministro Maroni ha preventivamente dichiarato che “non vi sono comportamenti da censurare. La Questura di Milano ha seguito correttamente tutte le regole”.  Salvo poi essere smentito, il giorno dopo, dallo stesso pm.

4 – Ricordarete sicuramente la manifestazione più che pacifica degli operai della Fiom che si è svolta il 16 ottobre scorso a Roma. Nei giorni precedenti la manifestazione, furono pronunciate alcune frasi a dir poco incendiarie. Se non fosse che l’autore di quelle frasi sia stata la stessa persona che, in occasioni del genere, deve preoccuparsi di limitare i danni. “Il corteo del sindacato è a rischio disordini e infiltrazioni straniere”. Violenza che il ministro ha recentemente minacciato di usare contro le popolazioni vesuviane che si opponevano, vittoriosamente, all’apertura della seconda discarica nel Parco Nazionale del Vesuvio. Infiltrazioni poi non verificatesi tra le tute blu – ma probabilmente dirottate nei paesi vesuviani -, nonostante l’auspicio del ministro leghista evidentemente in preda a nostalgia attivista.

5 – Dulcis in fundo, la tessera del tifoso. A cosa serva, se non a disincentivare il pubblico dal frequentare gli stadi in favore di un comodo e sicuro abbonamento al digitale, non è ancora del tutto chiaro. Senza dubbio non serve ad impedire ai para-tifosi violenti di darsi appuntamento fuori agli stadi per picchiarsi in forma anonima. Così come non serve in occasione di partite a rischio internazionale, come la famosa Italia-Serbia di un mese fa, quando lo stesso ministero dell’Interno non fu in grado di garantire la sorveglianza dello stadio di Genova, nonostante l‘allarme e le segnalazioni pre-match fornite dal governo di Belgrado.

Siccome attendersi le dimissioni da un leghista è come pretendere da Mastella di andare in pensione, cos’altro aspettano le opposizioni per presentare una mozione di sfiducia nei confronti di questo para-ministro?

A.I.

Annunci
  1. 14 novembre 2010

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: