Per saldare il suo debito la Grecia venda le sue isole!

La proposta, senza dubbio, rimarrà negli annali di scuola. Anche se andando a vedere, si basa su un’ipotesi non molto assurda: se hai un debito, vendi i beni in tuo possesso e lo saldi. Ma questo vale per le persone e per le aziende: ma se parliamo di uno Stato Sovrano?

Due parlamentari tedeschi della coalizione di Governo della Germania, il liberale Frank Schaeffler ed il suo collega cristiano-democratico Josef Schlarmann propongono che per risanare il suo gigantesco debito pubblico la Grecia non deve far altro che vendere alcune delle sue isole. Il quotidiano Bild giudica eccellente la trovata, e scrive che “anche se l’idea sembra un po’ pazza, i greci devono pur svendere qualcosa, ad esempio qualcuna delle loro bellissime isole dell’Egeo, secondo questo schema: voi prendete i soldi, noi ci becchiamo Corfu“. Secondo Bild, c’è già chi è pronto ad occuparsi della vendita, per esempio un’agenzia immobiliare di Amburgo, che offre isole greche disabitate ad un prezzo base di 45 milioni di euro.

Sperando che in Italia, per colmare il debito pubblico, non decidano di prendere esempio…

Annunci
    • Gerasimos Sotiriu
    • 27 ottobre 2011

    Tedeschi ed Italiani hanno anche nel non molto lontano passato di “prendere” le nostre isole con i veri noti risultati. La nostra risposta a queste idee e una ed una sola.
    “MOLON LAVE”
    Grazie della sua attenzione
    Gerasimos Sotiriu
    Parga-Grecia

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: