La Polizia di Stato in debito

Le Forze di Polizia costrette a tirare sempre di più la cinghia. Non solo rischiano la vita ogni giorno in nome della legalità e per difendere i cittadini, non solo sono spesso costretti a turni estenuanti, ma troppo spesso, negli ultimi anni, si sono andate erodendo anche le loro risorse economiche per il servizio.

L’ultima denuncia in ordine di tempo è del sindacato di Polizia Siulp di Napoli e riguarda gli agenti dei commissariati di Ischia e Capri che, per ragioni di servizio, devono imbarcarsi ogni giorno su un traghetto o un aliscafo. Questi poliziotti, afferma il segretario regionale Siulp di Napoli, Vincenzo Annunziata, “sono costretti perfino a pagare il biglietto, anticipando i soldi che un giorno, forse, verranno restituiti”. E’ chiaro che una spesa quotidiana del genere toglie risorse ad uno stipendio già ridotto all’osso. “Ai poliziotti – continua Annunziata – si chiedono sempre maggiori sacrifici, sempre maggiore disponibilità, ma arrivare a chiedere di anticipare dei soldi per poter lavorare, forse è chiedere davvero troppo”. L’anno scorso, sempre a Napoli, dopo i tagli governativi dei fondi per la sicurezza, i poliziotti denunciarono che ben 228 auto con i colori della polizia erano costrette nei box per mancanza di soldi per la manutenzione.

I tagli del governo al settore sicurezza hanno numeri spaventosi: 263 milioni 497 mila euro cancellati nel 2009, altri 283 milioni levati nel 2010 e ulteriori 492 milioni 726 mila euro saranno eliminati nel 2011. I risultati tangibili di queste politiche sono quelli descritti sopra, ma quelli più gravi, non tangibili nell’immediato, riguardano invece la nostra percezione di sicurezza.

Alessandro Ingegno


Annunci
  1. Hi, Neat post. There’s a problem together with your web site in web explorer, might check this… IE still is the market leader and a huge portion of people will pass over your wonderful writing due to this problem.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: