Nasce a Napoli la prima associazione per lavoratori immigrati

“Napoli e Caserta sono esempi di realtà multietniche”. E’ questo il dato di fatto dal quale sono partiti il Movimento cristiano lavoratori e il comune di Napoli per dar vita alla prima associazione interamente dedicata ai lavoratori stranieri: l’Associazione dei lavoratori immigrati. Il presidente provinciale Mcl, Michele Cutolo, ha dichiarato che “l’immigrazione ha raggiunto livelli significativi. Secondo dati Istat infatti il flusso degli stranieri è pari al 6,5% della popolazione. Il problema – prosegue Cutolo – è che le condizioni di lavoro sono solo in apparenza regolari, ma molto spesso gli immigrati sono costretti a vivere e lavorare in condizioni disumane. Per questo abbiamo deciso di dare vita ad un’associazione di immigrati, fatta da immigrati e con una presidente migrante”. La presidente dell’Associazione è la migrante Gina Marasigan, appartenente alla Comunità filippina.

Il presidente Cutolo spiega poi le problematiche che l’Associazione si propone di risolvere: ”Lo scopo è quello di favorire l’integrazione degli immigrati, sia comunitari che extracomunitari. Questo perché la realtà napoletana è quella di una grande presenza degli immigrati i quali hanno sempre più difficoltà ad ottenere il permesso di soggiorno ed altri tipi di servizi. Importante sarà, negli anni a venire – prosegue Cutolo –, garantire l’integrazione scolastica visto che dati Istat dicono che si arriverà ad un 45% di presenza di immigrati nelle aule.

L’Ali si propone quindi di risolvere questa problematiche oltre a cercare di favorire un dibattito sul tipo di politiche migratorie per evitare che avvengano altri spiacevoli incidenti come le baraccopoli che sono ancora presenti nella provincia di Napoli, o altri episodi razzisti”. La sede dell’associazione sarà all’interno del Mcl, a piazza Garibaldi, dove è stato attivato uno sportello, ma è stata attivata una rete nazionale per aiutare l’integrazione. L’associazione conta già tra i 4 mila e i 5 mila immigrati iscritti, in particolare persone che fanno parte della comunità cinese, moldava e in generale dell’est europeo, ma anche africani provenienti dallo Zambia.

Alessandro Ingegno

Immigrazione non è uguale a criminalità – da Lavoce.info

Io al Carrefour non ci vado più – da L’Anticomunitarista

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to FurlAdd to Newsvine

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: