In 10 anni è nata Abusivaland

Abusivaland è un luogo ai confini della realtà: geograficamente indefinito al suo interno vi si ritrovano tutti gli usurpatori del nostro habitat, ma soprattutto è là dove l’illegalità regna sovrana e indisturbata. Indisturbata fino a quando qualcuno, non gradito alla popolazione di Abusivaland, decide finalmente di farne una mappatura allo scopo di individuarla geograficamente e definirne i confini, raccontarne le caratteristiche e soprattutto capirne la genesi. Per questo motivo i cittadini comuni, ma soprattutto i curiosi, sono ammessi ad Abusivaland.

Cemento Connection. Secondo il rapporto “Cemento Connection” di Legambiente in dieci anni in Campania sono state realizzate circa 60mila le case abusive, una media di 6000 all’anno, 500 al mese, 16 al giorno. Un’intera città.

L’abusivismo edilizio è una delle peggiori piaghe della regione: saccheggia il territorio, distrugge paesaggi, e frutta fior di quattrini alla criminalità organizzata. In Campania sono ben 64 i clan che gestiscono l’attività di Abusivaland, in competizione tra loro ma tutti devoti ad un unico dio, il dio cemento.

Sistema immobiliare. In questi giorni di abbattimenti e demolizioni ischitane le televisioni ci sono somministrato a ripetizione le immagini e le interviste dei poveri abitanti sfrattati che raccontavano, disperati, perché hanno scelto di diventare abitanti di Abusivaland: povertà, necessità, ignoranza.

Sarebbe giusto accompagnare il piano demolizioni con una pianificazione del futuro di queste persone, magari assegnando loro, a prezzi accessibili, le “case fantasma” che le banche non immettono nel mercato per evitare un calo dei prezzi. Perché il problema di Abusivaland è anche il terreno fertile che trova nel circolo vizioso del sistema immobiliare.

Alessandro Ingegno

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to FurlAdd to Newsvine

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: