L’ultimo saluto di Napoli a Youssuf Errhali

Sabato 16 gennaio si è svolta una piccola manifestazione in memoria di Yussuf Errahali, il marocchino morto per mano di piccoli delinquenti senza scrupoli che, la notte del 13 gennaio scorso, hanno gettato il clochard nella fontana ghiacciata di piazza Cavour causandone la morte per assideramento. L’episodio ha generato in città un’ondata di indignazione. Per questo la Rete antirazzista napoletana, ha organizzato questo evento che si è svolto alla presenza del padre comboniano Alex Zanotelli il quale ha deposto due fasci di fiori nel punto in cui il marocchino è stato aggredito. Noi abbiamo raccolto la testimonianza di un ragazzo che l’aveva conosciuto.

Una persona semplice. Vorremmo ricordare Yussuf con le parole di Marcello, un ragazzo che aveva conosciuto casualmente, il 37enne marocchino: ”Ci siamo visti la prima volta proprio in piazza Cavour, io ero lì per un appuntamento e all’improvviso si avvicina questo signore che in maniera molto cordiale mi dà a parlare. Iniziamo a discutere del più e del meno, mi chiede che cosa ci facessi lì e poi inizia a raccontarmi la sua vita, i suoi ricordi. Viveva in Francia prima di giungere qui in Italia, aveva perso la donna della sua vita dalla quale desiderava fortemente un bambino, e anche l’aiuto economico fondamentale del fratello. Questo racconto, aggiunge Marcello, provocò grande commozione sia in lui, che non nascose le lacrime, sia in me, sconvolto dalla tenerezza e dalla sincerità disarmante di questa persona. Yussuf mi parlò anche dei suoi problemi con l’alcol, delle continue fughe dal centro di disintossicazione, e della lotta per sopravvivere nutrita dalla speranza di poter rivivere, un giorno, la sua storia d’amore”.

L’appuntamento. La crudeltà e la delinquenza di questi piccoli criminali ne ha spezzato la sofferenza ma con essa anche le speranze di una vita migliore. Per protestare contro questa escalation razzista l’appuntamento sarà il prossimo primo marzo, quando tutti gli immigrati d’Italia incroceranno le braccia e con loro gli italiani che vorranno solidarizzare ed esprimere il proprio sdegno contro ogni forma di razzismo.

Alessandro Ingegno

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: