Procurati allarmi, due pesi e due misure

Il 5 aprile 2009 Giampaolo Giuliani avvertiva il sindaco di Sulmona dell’imminente terremoto che, come noto, avrebbe poi devastato l’Aquila e le zone limitrofe. Nei giorni seguenti Giuliani veniva inserito nel registro degli indagati per procurato allarme, accusa dalla quale è stato recentemente assolto a causa della fondatezza delle sue rilevazioni effettuate grazie a una nuova tecnologia, inutilizzata in Italia ma molto diffusa negli Stati Uniti, che si basa sullo studio del gas radon. Facendo 2+2 si può dedurre che se l’allarme del tecnico Giuliani fosse stato preso sul serio si sarebbe potuta scongiurare non dico l’intera tragedia del terremoto abruzzese, ma magari salvare qualche vita umana in più.

I media e i governanti italiani, dal luglio 2009 e fino a poche settimane fa hanno messo in guardia la popolazione italiana sulla pericolosità dell’influenza A e del virus H1N1, hanno seminato il panico da contagio giustificando l’acquisto di vaccini non testati (24 milioni di dosi comprate dalla Novartis per un costo totale, a carico di noi contribuenti, di 184 milioni di euro). E tutto ciò avveniva mentre la bufala dell’influenza suina veniva smascherata, pezzo per pezzo, via web, grazie a testimonianze di esperti, medici e scienziati italiani e stranieri. Probabilmente è proprio grazie a questa contro-informazione online che solo 800 mila persone in Italia hanno effettuato l’inutile e pericoloso vaccino. Questo non sarebbe procurato allarme ingiustificato?

Alessandro Ingegno

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to FurlAdd to Newsvine

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: