Alcuni eventi della settimana di riduzione dei rifiuti italiana

Dal 21 al 29 novembre si è svolta la prima settimana europea di riduzione dei rifiuti. L’Italia ha partecipato attivamente con centinaia di iniziative di sensibilizzazione, informazione ed educazione sparse su tutto il territorio.

L’edizione pilota del 2008 era stata la prova generale dell’ufficiale prima edizione della “Settimana europea della riduzione dei rifiuti”.

In concreto si tratta di una manifestazione che nasce con l’obiettivo di educare, sensibilizzare ed informare il più possibile, attraverso attività creative e didattiche, i cittadini europei alla riduzione della produzione di rifiuti, uno dei grandi problemi che affliggono e accomunano le società occidentali, e che si propone con modalità ancora più drammatiche negli impreparati paesi in via di sviluppo.

Il nostro Paese si è contraddistinto quest’anno per le l’elevato numero di iniziative locali, per questo abbiamo deciso di segnalare alcuni tra i progetti più interessanti.

La Campania, punto nevralgico del nostro Paese per l’altissima produzione di rifiuti, si è contraddistinta per l’altissimo tasso di adesioni (comprensibile visti i recenti trascorsi emergenziali) soprattutto da parte di istituti scolastici, all’attività “Io mi differenzio”: una sensibilizzazione effettuata attraverso esempi pratici di buone prassi per la riduzione dei rifiuti, comportamenti eco-sostenibili, esempi sul riutilizzo dei beni, distinzione tra riduzione e raccolta differenziata.

In Abruzzo invece, nonostante gli abitanti si trovino ancora nel pieno dell’emergenza causata dal terremoto dell’aprile scorso, sono stati lodevoli alcuni progetti portati avanti dalle Cooperative Paterno, Il Borgo, Capistrello e Tornione: qui si è deciso di puntare sulla promozione di acquisto di prodotti senza imballaggi secondari, sull’utilizzo di borse per la spesa riutilizzabili e sul prolungamento della vita di oggetti utilizzati attraverso il riciclo e il riuso.

Tra i progetti organizzati in giro per l’Italia un’iniziativa molto utile è stata “Ufficio ecologico”, nata da un’idea del Comune di Riccione: consisteva nella produzione e presentazione ai dipendenti comunali della guida all’ufficio ecologico, inerenti i comportamenti da tenersi nel luogo di lavoro per prevenire la produzione di rifiuti, dall’avvio di azioni di dematerializzazione delle procedure amministrative all’abolizione della stampa cartacea della busta paga dei dipendenti.

In Liguria invece, nel Parco Nazionale delle Cinque Terre, il Comune di Riomaggiore ha deciso di coniugare il Natale, periodo in cui si concentra un’altissima produzione di rifiuti per ovvi motivi consumistici, con il riciclo di questi ultimi. “Natale fatto a mano”, nome dell’iniziativa, ha difatti coinvolto i bambini delle scuole primarie nella creazione di addobbi natalizi attraverso materiale di uso e consumo comune generalmente destinato ai rifiuti (bottigliette di plastica, sacchetti di plastica, vecchi CD rom, tappi di plastica, cannucce, ecc.) con dimostrazioni pratiche di creazione di addobbi.

Queste sono solo alcune delle centinaia di progetti portati avanti durante la settimana europea della riduzione dei rifiuti la cui organizzazione in Italia è stata affidata ad un Comitato Nazionale formato da Federambiente, Commissione nazionale italiana Unesco, AICA (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale), Osservatorio Nazionale Rifiuti, Legambiente, Rifiuti 21 Network, Provincia di Torino ERICA Soc. Coop. (Educazione Ricerca Informazione Comunicazione Ambientale), Eco dalle Città. Il tutto supportato e coordinato a livello comunitario dal programma della Commissione Europea LIFE+.

Insomma se volessimo riassumere la settimana europea contro i rifiuti appena conclusasi in una sola parola quella è senza dubbio ridurre!

Alessandro Ingegno

da Yeslife.it


Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to FurlAdd to Newsvine

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: