La mafia e i doppi fini

Annunci
    • Christian
    • 2 dicembre 2009

    Io tengo le dita incrociate…. B. deve andarsene! E velocemente!

    • NoBday
    • 3 dicembre 2009

    Siamo alla follia. La politica italiana ormai, farebbe fare la figura di idiota anche a Orwell. Questa mattina persino i Compagni si sperticano ammirando il presidente della Camera, condividendo appieno le dichiarazioni non rilasciate alla stampa, ma r u b a t e dalla stampa. “Bravo fini! Forza fini! Sei tutti noi.” E persino un miserevole: “Meno male che Gianfranco c’è.” Io, sinteticamente, mi domando: “Vi siete fritti l’ultimo neurone?”

    Abbiamo sentito il presidente della Camera chiacchierare con un Procuratore della Repubblica, sulle dichiarazioni di un pentito di mafia che tira in ballo un partito politico che governa l’Italia. L’abbiamo sentito ridacchiare mentre raccontava la follia megalomane di un criminale comune. Lo abbiamo sentito sperare nell’operato ineccepibile della magistratura che avrebbe potuto tirare una bomba atomica nei confronti di chi ha in mano il destino del paese. “Sei tutti noi?” [Trascrizione su Repubblica]

    Forse davvero si è perso il senso delle cose, e forse la situazione è più preoccupante di quanto possa sembrare. Quella voce non era la mia, o la tua. Non era il mio amico un po’ fatto di birra che a termine di una allegra serata tra amici, si lascia andare a fantasie che iniziato sempre con un divertito: “Te lo immagini se …” Era la voce del presidente della camera, che al tavolo di un convegno dedicato a Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia, parlava delle indagini su un presunto colluso che governa uno stato europeo.

    Questa mattina, in Italia, non è successo nulla. Nessuno si è dimesso o tantomeno abbiamo un governo dimissionario. C’è capezzone però, che da ieri spiega una cosa interessante, ovvero ricorda a fini che durante una riunione dell’ufficio politico del pdl si era arrivati a una linea condivisa sul “problema giustizia”: “la magistratura è un covo di criminali eversivi comunisti che tenta di destabilizzare il governo.” E proprio per essere fedeli alla linea condivisa dal partito, ci sono le dichiarazioni del tizio presidente: “fini vattene!”

    Se questa non è follia, io davvero non so cos’altro potrebbe essere. Questa gente non mi rappresenta, né il governo, né la falsa opposizione. Nessuno che continui a stare seduto nelle istituzioni di un paese governato palesemente da criminali, può rappresentarmi. Nessuna persona onesta può continuare a fingere di restare in Parlamento a mio nome, per difendere i miei interessi. Se una persona fosse onesta, non sarebbe complice di questo Stato.

    Rita Pani (APOLIDE)
    http://guevina.blog.espresso.repubblica.it/resistenza/2009/12/gianfranco-bomba-atomica.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: