Disinformatia governativa #1


La prima pagina del giornale governativo, oggi sfoggia tutta la “classe” di Feltri. Parte con il solito complotto comunista (tanto caro a Riina) e cerca di screditare il metodo dei pentiti.

Per non farci mancare nulla, attacca un po’ la rete. In questo periodo va tanto di moda e non legarla al terrorismo “dilagante” (come testimonia la Santanchè) sarebbe un peccato mortale. Il messaggio “internet è un covo di terroristi e pedofili” funziona sempre.

Per finire la solita anomalia italiana: i programmi televisivi osano andare contro il premier padrone. L’amico Putin sarebbe fiero di lui, magari gli farà una telefonata dopo aver fatto sparire l’ennesimo giornalista.

da Ladri di marmellate

Se a questo delirio informativo aggiungiamo ministri della Repubblica cercano di zittire i pochi intellettuali che parlano chiaro e cercano di indirizzare un’Italia smarrita e senz’anima, trans uccisi carbonizzati perchè custodivano segreti di Palazzo, capiamo che il nostro Paese è prigioniero di una classe dirigente che definire criminale è quasi un complimento. L’Italia è in ostaggio.

Per questo è importante ogni tanto rispolverare la memoria affinchè non vada perduta all’interno di questa bolla criminal-mediatica. Pubblico tutta la cronologia, tratta da La Repubblica di oggi, delle leggi approvate dal 2001  dal governo di centro-destra per salvare Berlusconi dai guai giudiziari.

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: