Arte e design ecosostenibile: come riciclare in modo creativo

In tutto il mondo sono sempre di più gli artisti che reinventano la propria creatività in chiave green, riutilizzando oggetti difficilmente smaltibili e diffondendo nella società sensibilità ecologiste attraverso l’arte. Scopriamo insieme le ultime novità, mondiali e anche italiane.

L’arte del riciclo è diventata negli ultimi tempi, in tutto il mondo, una pratica diffusissima che riesce ad unire l’utile al dilettevole attraverso l’uso della creatività e dell’immaginazione. Si tratta dello sposalizio tra arte e ambiente, dove la prima viene in soccorso del secondo grazie al riutilizzo di materiali difficilmente smaltibili una volta buttati. Un esempio su tutti è quello della plastica che o finisce nelle discariche oppure viene bruciata sprigionando sostanze tossiche nell’aria. Così la creatività finisce per essere, oltre che uno sfogo per menti fervide, anche e soprattutto una scialuppa di salvataggio per la nostra terra che rischia di essere sommersa da una montagna di rifiuti (di cui il sesto continente ne è una tragico avvertimento).

L’artista americano David Edgar ad esempio concilia l’arte con l’etica eco-friendly e ha dato vita a Plastiquarium: una collezione di pesci tropicali creati unendo vari pezzi di plastica colorata. Sul sito internet è disponibile un elenco delle creazioni dell’artista acquistabili a partire dal prezzo minimo di 25 dollari fino ad un massimo di 1.250 dollari, a seconda delle dimensioni e della specie desiderata.

Dal sapore estremamente nostalgico sono invece le creazioni della designer Cindy Kroth: l’artista crea collezioni vintage di orologi, bracciali ed orecchini riutilizzando i tasti delle vecchie ed ormai fuori commercio macchine da scrivere. Un altro esempio di arte componentistica del riciclo è rappresentato dallo scultore Mark Orr. Con l’uso di pezzi di acero e di oggetti vintage come le chiavi di antichi bauli l’artista da vita a originalissimi soprammobili tutti fatti a mano: una delle sue opere più gettonate è il “corvo su palla da biliardo”.

Anche in Italia il fenomeno della recycle-art si sta diffondendo a macchia d’olio. L’associazione Fareverde di Nola, in provincia di Napoli, ha creato un vero e proprio laboratorio artigiano, “Riciclare e creare”, partendo dal concept del recupero di oggetti in disuso, rovinati o vecchi per rinnovarli o creare nuove cose.

Nella bottega della Onlus Fareverde sono esposti una serie di esempi di oggetti in disuso rinnovati e/o riutilizzati. L’idea dell’associazione è quella di coinvolgere attivamente i clienti della bottega e mostrare che uno stile di vita sostenibile, nel quale gli oggetti hanno valore in quanto sono “utili” all’uomo oltre che un frutto delle risorse naturali e lavorati dalla mente e dalle mani dell’uomo, è possibile, e per questo vanno considerati quali beni da utilizzare, preservare, rinnovare, riciclare. Pensate che ben l’80 per cento degli oggetti che la società considera come rifiuti vengono gettati e considerati come materiale problematico da smaltire, e nonostante ciò ogni giorno vengono comunque acquistati oggetti nuovi e praticamente inutili.

Il progetto “Riciclare e creare” punta perciò a sensibilizzare la comunità locale ad uno stile di vita più attento sia alla tutela dell’ambiente che alla qualità della vita delle persone perseguendo finalità sociali attraverso il connubio tra arte e riciclo.

In questo quadro quel che dispiace però è la scarsa attenzione prestata dai media ad un fenomeno sempre più diffuso che, in una società in affanno per la crisi e in una fase di ripensamento degli stili di vita anche per la necessaria maggiore tutela dell’ambiente, a livello nazionale ed internazionale vede la società civile produrre autonomamente sempre più esempi di sana creatività sociale.

Diffondiamo il messaggio e sosteniamo gli artisti green.

Alessandro Ingegno

da Yeslife.it

clocktypewriter1

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to FurlAdd to Newsvine

Annunci
    • orazio
    • 5 gennaio 2010

    Sono daccordo con te, ti segnalo un interessante sito sull’argomento: wwww.ecohandmade.it, ho trovato oggetti eco per l’arredo. ciao

      • orazio
      • 5 gennaio 2010

      orazio :Sono daccordo con te, ti segnalo un interessante sito sull’argomento: wwww.ecohandmade.itul http://www.ecohandmade.it , ho trovato oggetti eco per l’arredo. ciao

      Rate This

      PDRTJS_settings_115021_comm_416 = {
      “id” : “115021”,
      “unique_id” : “wp-comment-416”,
      “title” : “Sono+daccordo+con+te%2C+ti+segnalo+un+interessante+sito+sull%27argomento%3A+wwww.ecohandmade.it%2C+ho+trovato+oggetti+eco+per+l%27arredo.+ciao…”,
      “item_id” : “_comm_416”,
      “permalink” : “http%3A%2F%2Falessandroingegno.wordpress.com%2F2009%2F10%2F07%2Farte-e-design-ecosostenibile-come-riciclare-in-modo-creativo%2F%23comment-416”
      }

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: