Lega d’estate

La Lega in quest’estate 2009 ha dato il meglio di sè. Dichiarazioni a raffica, giochini, proposte incandescenti, minchiate a tutto spiano. E’ quasi impossibile seguire l’involuzione di questa specie. Così come è difficile stabilire il confine tra la proposta seria e la provocazione lanciata per i mass media assetati di notizie vacanziare. L’ultima in ordine di tempo arriva da Facebook:  una pagina chiamata “Lega Nord Mirano”, a cui prendono parte come fans oltre 400 persone, dal titolo “Immigrati clandestini: torturali! E’ legittima difesa”.

Tra i principali esponenti leghisti che aderiscono al legal pensiero padano Umberto Bossi, il figlio Renzo (fresco di censura di Facebook per il suo giochino demente “rimbalza il clandestino”)e Roberto Cota.

Ecco una breve sintesi delle minchiate padane estive: professori terroni obbligati a studiare dialetto friulano, Tg Rai regionali in dialetto locale, divise calcistiche con impressi gli stemmi Regionali, l’Inno di Mameli da mandare in pensione, stipendi da modificare a seconda della Regione, continue dichiarazioni politiche del tipo “io mi sento prima padano e poi forse italiano”. E da ultimo la contrarietà riguardo i festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia previsti per il 18 febbraio 2011.

Ricordiamoci che questa gente che tenta di imbarbarire culturalmente il nostro Paese, sfruttando i potenti mezzi televisivi di Berlusconi, è al governo e in Parlamento.

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: