Venus Project – un mondo sostenibile è possibile

Il Venus Project è un nuovo disegno sociale, illustrato all’interno del documentario Zeitgeist Addendum, proposto come alternativa al sistema attuale del mondo industrializzato.

I pilastri su cui si basa il piano Venere sono: l’utilizzo infinito delle fonti di energia rinnovabili ed in generale di risorse sostenibili, l’alta tecnologia e la mobilità sostenibile al servizio dell’uomo.

Il Venus Project parte dal concetto che al giorno d’oggi abbiamo a disposizione le risorse necessarie per dare casa a chiunque, per costruire ospedali e scuole in tutto il mondo, per le migliori apparecchiature e laboratori, per insegnare e condurre ricerche mediche. Abbiamo tutto questo ma il problema è che veramente poco di quello che viene prodotto nella nostra società è nemmeno minimamente sostenibile ed efficiente. Il sistema attuale si basa sulla scarsità delle risorse, allo scopo tenere alto il prezzo di mercato in base alla teoria della domanda e dell’offerta.

Il progetto Venus si propone di eliminare le cause dei problemi alla radice, a partire cioè dalla natura umana e dai suoi comportamenti. Eliminando quei processi che producono egoismo, fanatismo, avidità e corruzione, che si acquisiscono all’interno della società, non in maniera innata. Affinché le persone traggano vantaggio gli uni dagli altri.

E’ necessario, secondo Jacque Fresco, il fondatore del Venus Project, ripensare i valori culturali mettendoli in relazione con le risorse reali della terra. La società immaginata è un modello sociale libero da tutte le vecchie credenze, dalle ineguaglianze e dalle leggi che le alimentano. Le professioni non saranno necessarie perché non più significative.

Serve rendersi pienamente conto che è la tecnologia concepita dall’ingegnosità degli uomini che libera l’umanità e aumenta la nostra qualità di vita, e solo allora realizzeremo che deve nostro interesse un attenta gestione delle risorse della Terra. In quanto è da queste risorse naturali e sostenibili che otteniamo i materiali che ci consentono di continuare il nostro percorso verso la prosperità. Ad esempio noi non paghiamo per l’aria, o per l’acqua del rubinetto, questo perché sono così abbondanti che sarebbe inutile tentare di venderle. Seguendo questa logica, se le risorse e le tecnologie necessarie a creare tutto ciò che si trova nelle nostre società come le case, le città o i mezzi di trasporto, fossero sufficientemente abbondanti, non ci sarebbe alcun bisogno di venderle.

Ma la domanda fondamentale è: abbiamo sulla Terra abbastanza risorse e conoscenze tecnologiche per creare una società così prosperosa e sostenibile, dove ciò che abbiamo a disposizione oggi è disponibile senza prezzo? La risposta è si. Abbiamo le risorse e le tecnologie per consentire tutto questo, come minimo, con la possibilità di far crescere gli standard di vita così tanto che le persone nel futuro guarderanno indietro alla civiltà odierna e rimarranno sbalorditi vedendo quanto immatura e primitiva era la nostra società. Si potrebbe dare agli scienziati e ai tecnici il compito di eliminare il veleno dai nostri cibi, ridisegnare il funzionamento dei mezzi di trasporto, di darci altre fonti di energia pulite, rinnovabili ed efficienti.

Attualmente nel campo dell’energia potremmo già non bruciare combustibili fossili, smettendo di utilizzare sostanze che contaminano l’ambiente. Tra le molte fonti di energia ridisponibili in natura l’energia solare ed eolica sono ben note al pubblico, ma il vero potenziale di queste è rimasto inespresso. L’energia prodotta dal sole è così tanta che un’ora di luce del sole a mezzogiorno contiene più energia di quella che in tutto il mondo si consuma in un anno. Catturare un centesimo di quest’energia permetterebbe di smettere di usare il petrolio, il gas e altro. Il problema è la volontà di usare le tecnologie necessarie ad ottenere tutto questo.

L’energia eolica è stata definita debole e condizionata dalla posizione geografica, ma in realtà, per ammissione nel 2007 del Dipartimento dell’Energia statunitense, se il vento venisse raccolto in soli 3 stati americani potrebbe rifornire l’intera nazione!

Altri mezzi sono in grado di sfruttare le maree e i moti ondosi. L’energia della marea deriva dallo spostamento degli oceani quindi, installando turbine che sfruttano questi movimenti, si genera energia. Il Regno Unito ha 41 siti attualmente disponibili e prevede di ricavare dalle maree il 34% dell’energia totale necessaria. Secondo alcuni studiosi il 50% dell’energia dell’intero pianeta può essere ricavato solo da questo meccanismo.

E’ importante precisare che queste energie, solare, eolica, maree ed onde, non richiedono energia a loro volta da dover sfruttare. A differenza di carbone, petrolio, gas, biomasse, idrogeno e tutte le altre. Combinando quindi questi mezzi naturali, sfruttando efficacemente la tecnologia, si può rifornire il mondo per sempre.

continua…

Alessandro Ingegno

da Yeslife.it

vp4

Nella prima parte dell’articolo sul Venus Project, tratto da Zeitgeist Addendum, abbiamo spiegato la proposta di un sistema sociale alternativo basato sulle risorse. Abbiamo fatto alcuni esempi di fonti di energia rinnovabili che ci permetterebbero di non dover pagare un prezzo per l’energia che consumiamo.

Ma l’energia pulita in assoluto più conveniente è la geotermica, basata sulla tecnica di “contenimento del calore”. Attraverso un semplice processo che utilizza l’acqua si può generare una quantità massiccia di energia pulita. Attualmente sappiamo che 13 mila zetajoule di energia geotermica sono disponibili sulla Terra, con la possibilità di ricavare, con le tecnologie esistenti, ben 2 mila zetajoule.

Se consideriamo che il consumo energetico totale delle nazioni del pianeta è pari a 0.5 zetajoule all’anno questo significa che attraverso questo mezzo si potrebbe ricavare energia all’infinito e in maniera illimitata essendo una fonte di energia rinnovabile. La conseguenza di tutto ciò è che non avremmo quindi necessità di inquinare nè di pagare un prezzo. Per questo, secondo i fondatori del Venus Project, si potrebbe avere prosperità in tutto il mondo se usassimo in modo lungimirante le nostre tecnologie adottando comportamenti di tutela dell’ambiente.

Vediamo ora cosa prevede il Venus project in tema di mobilità sostenibile e denaro.

Nel settore della mobilità attualmente i mezzi di trasporto prevalenti nelle nostre società sono le automobili e gli aerei, ed entrambi hanno bisogno di combustibili fossili per funzionare. Al giorno d’oggi però le automobili potrebbero già utilizzare strumenti e tecniche in grado di rimpiazzare la combustione – batterie utili, elettriche, energie pulite – ma l’accessibilità a queste tecnologie per ora è rallentata dal radicamento dei sistemi esistenti. Anche gli aeroplani sono totalmente inefficienti, lenti ed altamente inquinanti.

Il Progetto Venus considera la possibilità dell’utilizzo di un treno ad energia magnetica (Mag-lev), che usa i magneti come propulsori e che richiede meno del 2% dell’energia usata per trasportare un aereo. L’organizzazione ET3, connessa con il Progetto Venus, ha progettato un mag-lev che consiste in un tubo che può trasportare ad una velocità di 4000 miglia all’ora, in un tubo sospeso in aria o sott’acqua. Questo è il futuro dei viaggi continentali ed intercontinentali: raggiungere Beijing da Washington in 2 ore in modo veloce, pulito con solo una frazione dell’energia che utilizziamo oggi per fare la stessa cosa. Tra tecnologie mag-lev, le batterie a conservazione e lo sfruttamente dell’energia geotermica non ci saranno ragioni per continuare sulla strada della combustione.

Passando alle città, nel Venus Project queste hanno una forma circolare, e sono pensate in modo da permettere il minore utilizzo di energia, ovviamente pulita. Ma l’aspetto chiave di queste città è l’armonia tra l’uomo e la natura, che è praticamente ovunque.

Nel Progetto Venus sarebbero inutili denaro e leggi, che al giorno d’oggi spesso impongono troppe regole, senza dare soluzioni. Basti pensare ai miliardi spesi dalle società per punire i crimini piuttosto che investire quegli stessi soldi in programmi sulla povertà, la causa fondamentale dei crimini. Il problema essenziale è motivare le persone a soddisfare le necessità della vita senza dover per forza pagare un prezzo per tutto questo. Eliminando il denaro, secondo Jacque Fresco, gli incentivi e le motivazioni personali saranno diversi. Se disegnamo un bel quadro la nostra aspirazione sarà quella di condividerlo con qualcuno che lo apprezzi, non quello di venderglielo.

Alla base del Progetto Venus c’è la convinzione che, oltre alla risorse naturali, l’intelligenza sia la vera ricchezza del mondo, perché questo diventa un contributo di ognuno.

La crisi economica in cui è sprofondato il sistema monetario è un segnale forte. Forse è tempo di fermarsi a riflettere. Magari iniziando a prendere spunto dai bei principi che muovono il Venus Project, realizzabile o irrealizzabile che esso sia. Ricordiamoci che siamo noi stessi, con le nostre piccole azioni e il buon esempio, che possiamo cambiare il mondo, mettendo l’uomo al centro di tutto e tutelando l’ambiente in cui viviamo.

Alessandro Ingegno

da YesLife.it

Add to FacebookAdd to DiggAdd to Del.icio.usAdd to StumbleuponAdd to RedditAdd to BlinklistAdd to TwitterAdd to TechnoratiAdd to FurlAdd to Newsvine

Annunci
    • Boston George
    • 18 maggio 2009

    Pura utopia impossibile da realizzare. Il capitalismo ha vinto, lo sfruttamento delle risorse proseguirà e ci saranno altre guerre per la crescente scarsità delle risorse stesse. I poveri rimarranno poveri, e aumenteranno, i ricchi sempre di meno ma sempre più ricchi.
    Così va il mondo.
    Amen

  1. Il progetto e’ difficilissimo da realizaare, anche perche’ ormai tutto il sistema monetario mondiale ha le sue basi su carbone, petrolio, gas, biomasse, idrogeno e tutte le atre sostanze e materiali che il progetto venus vorrebe far venire meno!!
    La prossima guerra mondiale sara’ su l’acqua… sappaitelo!!! che schifo…

    • stephan
    • 14 settembre 2009

    valutate la rivoluzione della vostra coscenza, ma sopratutto la vostra intelligenza. tutto vi sarà + chiaro.

    • Angela Speranza
    • 24 dicembre 2009

    Sono felice del fatto che ci sono tante persone che non si sono arrese e, anzi, si sono mosse con lungimiranza per attuare ciò, io sono da sempre convinta che tutto ciò sia facilmente fattibile,se non restiamo dispersi e disperati… 🙂 mi riecheggia oltretutto una frase di John Lennon, in Mind Games: “I want you to make love, not war, I know you’ve heard it before” Io credo sia così, credo realizzabile quel che dicevano durante il bed in:
    – questa è ˙♫♪♥♪ love’s r♫evol♫oution ♫•*♥*•. 😉 –
    e, dunque, non solo give peace a change, ma anche give love a change!

    • Mattei
    • 3 maggio 2010

    Grazie!
    Davvero!
    Farò girare quel che riuscirò.

    • Danilo
    • 19 giugno 2011

    Bisogna dare una svolta al sistema sociale ed economico, dire che è impossibile non porta a nulla anzi aiuta gli speculatori nel loro intento. Tutte queste idee possono e devono essere messe in atto perché una società come la nostra non porta felicità e una vita senza felicità la trovo insensata, ergo invece di criticare dicendo QUESTA E’ SOLO UTOPIA bisogna prendere coscienza di questo proponimento nient’affatto impossibile, non dico che sia facile ed immediato ma ripeto se resta un progetto cosi difficile da applicare dipende anche dalla gente che aprioristicamente si chiude all’innovazione intellettuale. Se tutto questo sarà fatto dipenderà solo da ognuno di noi, non si tratta di chiamare in causa politicanti, si tratta di cambiare radicalmente le proprie convinzioni sulla società noi siamo marcescenti perché tutto ciò che vediamo è oramai normale e ovvio ai nostri occhi quando è palesemente assurdo e barbaro, siamo abituati a pensare che il mondo è una merda ed è ovvio e giusto che sia cosi … Beh, non va bene che sia cosi quindi sveglamoci da questo torpore

  2. Exactly how long did it require you to create “Venus Project – un mondo sostenibile è possibile | Alessandro Ingegno blog”?
    It boasts a lot of fine details. Thank you -Torri

    • Andrea
    • 11 settembre 2013

    Credo che il progetto venus ,verrà preso in considerazione ,solo dopo una grande rivoluzione interiore pensieristica e morale da parte di quel pugno di persone o d’elite che decidono sul sistema economico mondiale..quindi nulla da fare..credo che non vedró il progetto venus nella mia vita..forse un miracolo indotto dal papà!! Mm mm nemmeno..peró devo dire che il sig. Fresco e la sig.roxan hanno e stanno portando speranza di pensiero x un bel futuro futuristicamente futuristico e basato su vere risorse energetiche..poi chi dovrá occuparsi della manutenzione di tutto non l’ho ancora concepito..forse noi ma senza stipendio e con tanta volontà e amore verso il prossimo e noi stessi,poi dobbiamo mangiare!! Oltre alla frutta e verdura dovremmo mangiare anche carne e pasta e pesce etc !!quindi anche qui chi si prenderebbe la briga di disporre di tutto!! La vedo dura che solo con la forza di volontá tutti si impegnino x procurare cibo a tutti ed a se stessi!! Magari costruiranno sempre(x pura volontá evolutiva)macchine che procurano carne pesce farina uova etc ed cucinano x tutti noi!! Poi i piatti chi li lava!? Ah ok la lavastoviglie..

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: