Il turismo sposa la green economy e diventa sostenibile

Il turismo responsabile è la nuova frontiera dell’economia, ma soprattutto è l’approdo naturale del settore turistico. E noi come possiamo aiutare questo processo?

Crisi o no, il turismo dovrebbe avere per vocazione una componente ambientalista, ma come sappiamo non è così.
L’UNWTO, l’Organizzazione mondiale per il Turismo delle Nazioni Unite, ha lanciato un appello a tutti gli attori, privati e pubblici, del mercato turistico. L’invito, che suona come un imperativo, è quello di sposare la green economy, promuovendo una reazione di medio termine con un agenda di sviluppo del settore, e di lungo termine rivolto ad una reazione che abbia come obiettivo principale la tutela del clima. L’UNWTO auspica che il Turismo mondiale si metta al lavoro per farsi trovare preparato, con proprie proposte ed azioni concrete, al prossimo incontro delle Nazioni Unite sul Global Warming che si terrà nel corso del 2009 a Copenaghen.
Tra i punti cardine da seguire c’è la caduta delle emissioni di gas a livelli tollerabili per il global warming, con produzione e consumo concentrati su energie da fonti rinnovabili, e con benefici condivisi equamente tra tutti gli stati. Ma anche la riduzione della dipendenza dal carbone, lo sviluppo di un commercio dei bio-fuel, supporto alle rinnovabili, costruzioni efficienti e veicoli ibridi, oltre a finanziamenti alle tecnologie verdi e incentivi fiscali. Raggiungere questo obiettivo richiederà perciò una serie di politiche credibili e di misure concrete. Come sottolinea Geoffrey Lipman, assistente generale del UNWTO, “il turismo ha usufruito solo superficialmente del nostro potenziale verde, e ora, è il momento che diventi il suo fulcro principale“.
Un turismo sostenibile, responsabile e mondiale quindi, che sia attento ai fondamenti del clima oltre agli indicatori economici, sociali e di sviluppo. Tra le prime iniziative nate allo scopo di mettere in atto le direttive per un turismo sostenibile si segnala la “Partnership Global Sustainable Tourism Criteria“, un contenitore che raccoglie oltre 30 organizzazioni mondiali riunite che collaborano allo scopo di indicare i principi e le pratiche per un’adozione universale del turismo sostenibile.
Ovviamente il cambiamento di direzione delle politiche turistiche colpirà tutta la catena, a partire dagli fornitori di servizi, pubblici e privati, passando per le destinazioni, fino ad arrivare all’ultimo anello della catena, i consumatori. E proprio noi, nel nostro piccolo, possiamo aiutare il turismo a diventare responsabile, con azioni semplici ma ugualmente efficaci rispetto alle linee guida macropolitiche, per promuovere questo rinnovamento.
Sappiamo bene che quando partiamo il nostro primo pensiero è staccare dai problemi che ci assillano durante la vita quotidiana, a partire dal bombardamento di informazioni e spot negativi; figuriamoci quanto ci interessa il global warming. Se durante l’estate se fa più caldo del solito è ancora meglio!
E invece, per aiutare questo processo, questa rivoluzione, la responsabilizzazione deve partire anche da noi. Dal nostro modo di agire tanto nel quotidiano quanto in vacanza. Scegliere tra le imprese turistiche, le società, i pacchetti, che prevedono un effettivo ed equilibrato ritorno economico al luogo di destinazione, oppure scegliere coloro che garantiscono l’utilizzo di infrastrutture ricettive che funzionano con energie pulite, o ancora viaggiare a bordo di mezzi di trasporto che tutelano l’ambiente, come il treno. La rivoluzione può anche partire dall’ultimo anello della catena, con una vera e propria selezione naturale, senza aspettare che nei piani alti si mettano d’accordo.

Alessandro Ingegno
da yesLife


Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: