Arriva il car sharing globale

Il Car Sharing è un servizio innovativo che, nelle nostre città, può validamente rappresentare un’alternativa efficace e utile all’idea corrente di mobilità. Il servizio permette di utilizzare, 24 ore su 24, un’automobile su prenotazione, prelevandola e riportandola in un parcheggio vicino al proprio domicilio, pagando solamente l’utilizzo fatto. Il car sharing inoltre riduce l’impatto ambientale della circolazione, riduce i costi, ma aumenta il numero dei posteggi e le opportunità di scelta dell’utente.
La Hertz ha ben pensato quindi, approfittando del calo di vendite dovute alla crisi economica, che ha colpito e affondato soprattutto il comparto automobilistico, di lanciarsi un questa nuova sfida.
Da leader mondiale nel settore del noleggio, la compagnia lancia “Connect by Hertz”, un car sharing globale nelle città di Londra, New York, Park Ridge e Parigi.
Altre città e specifiche aree ad elevata richiesta di mobilità entreranno presto nella lista di quelle servite da Connect by Hertz entro il 2009.
La flotta newyorkese utilizza Toyota Prius, oltre a Toyota Camry, Ford Escape, Mini Cooper e Mazda 3.
Londra offre Ford Fiesta e Focus e Mini Cooper D.
Parigi dispone di Mini Cooper e Opel Corsa.
Ma come funziona il servizio di Connect by Hertz? Prenotando il servizio online o per telefono si riceve una e-mail di conferma con la targa del veicolo riservato e il luogo del ritiro. Il socio per utilizzare la vettura dovrà semplicemente passare la sua “connect card” su un apposito lettore che provvederà a sbloccarla e a renderla “attiva”. Ogni vettura è inoltre collegata con una centrale operativa in grado di fornire assistenza in caso di specifiche esigenze o ad esempio per prolungare il periodo di utilizzo richiesto. Il servizio prevede un costo orario o una tariffa giornaliera.
In Italia il car sharing è un servizio commerciale erogato da apposite aziende, con l’appoggio di associazioni ambientaliste ed enti locali ed è attivo in 12 citta’.
I numeri sono ancora bassi, ma la formula sembra attrarre sempre di piu’ i cittadini, tanto che il 2008 ha registrato il 18% in piu’ di utenti rispetto all’anno precedente e 70 auto in piu’ sulla strada (+16,4%); le citta’ che possono contare sulla flotta auto maggiore sono Milano e Torino. La rete nazionale ICS (Iniziativa Car Sharing) è la struttura di coordinamento delle realtà locali italiane del Car Sharing, promossa e sostenuta dal Ministero dell’Ambiente e del Territorio.
Ciò che rende il Car Sharing una realtà in espansione è sicuramente la produzione, nel tempo, di effetti benefici sull’ambiente. Questo perché allenta la morsa del traffico veicolare nei centri urbani e favorisce comportamenti individuali più razionali nell’uso dell’automobile a vantaggio di auto ecologiche e a bassa intensità energetica.
In Europa se ne son già accorti e, attualmente, le persone associate ad un servizio di Car Sharing sono 100.000, e 4.000 sono i veicoli disponibili in oltre 600 città di Austria, Francia, Germania, Olanda, Svizzera e Scandinavia. Il trend annuo di crescita degli associati è del 50% all’anno. In quest’ottica, quella avviata da Hertz potrebbe quindi rivelarsi veramente una mossa vincente, anche in chiave di mobilità sostenibile.

Alessandro Ingegno

da YesLife

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: