Saviano condannato a morte dai Casalesi lascia l’Italia

Sarebbe tutto pronto per far accendere la miccia e uccidere lo scrittore Roberto Saviano. Secondo quanto riportato oggi dai maggiori quotidiani italiani, i clan della camorra di Casal di Principe potrebbero aver preparato un piano per assassinare l’autore del libro ‘Gomorra’ che ha aperto un varco nell’informazione e nelle coscienze su come e dove operano i gruppi criminali camorristici. Tanto che i clan avrebbero così decretato la condanna a morte di Saviano dandosi anche la data di Natale per accendere la miccia.

A rivelare tempi e progetto dell’attentato per uccidere Saviano e la sua scorta sarebbero stati rivelati da un pentito dei casalesi, Carmine Schiavone, secondo quanto scrive ‘La Stampa’, che, appresa la notizia, l’avrebbe riferita poi all’autorità di polizia giudiziaria. La Procura di Napoli ha aperto un fascicolo. Da quanto riferisce poi ‘La Repubblica’, “l’ultima minaccia contro Roberto Saviano è ritenuta ‘attendibile’ e sono in corso ulteriori accertamenti” da parte della Dda e della Procura di Napoli.

A far muovere i clan contro Saviano, secondo gli inquirenti, il “troppo clamore” che ha scosso le cosciente provocato dal libro “Gomorra”. Il “Corriere della Sera”, inoltre, riferisce che l’attentato doveva verificarsi sull’autostrada Roma-Napoli, “durante uno dei frequenti spostamenti di Saviano e degli uomini che lo proteggono”. Proprio nei giorni scorsi, il pentito Oreste Spagnuolo, uno dei killer degli immigrati ghanesi uccisi a Castel Volturno, aveva raccontato che il boss Giuseppe Setola “cercava di procurarsi dell’esplosivo con un detonatore e un telecomando: non mi ha spiegato cosa voleva farci, ma diceva che era un modo facile per uccidere”. “Continuo tutto come prima. Non ho altra strada che resistere, resistere, resistere” è stato il commento di Roberto Saviano.

Il giorno dopo annuncio choc di Roberto Saviano:Lascio l’Italia. «Andrò via dall’Italia, almeno per un periodo e poi si vedrà. Penso di aver diritto a una pausa. Ho pensato, in questo tempo, che cedere alla tentazione di indietreggiare non fosse una gran buona idea, non fosse soprattutto intelligente. Ho creduto che fosse assai stupido, oltre che indecente, rinunciare a se stessi, lasciarsi piegare da uomini di niente, gente che disprezzi per quel che pensa, per come agisce, per come vive, per quel che è nella più intima delle fibre ma, in questo momento, non vedo alcuna ragione per ostinarmi a vivere in questo modo, come prigioniero di me stesso, del mio libro, del mio successo. ‘Fanculo il successo».

Saviano vive sotto scorta da due anni ormai. È minacciato dalla Camorra in seguito al successo del suo libro in tutto il mondo.

Un video per non dimenticare come Umilio Fede parlò di Roberto Saviano:

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: