FACEBOOK pigliatutto

Facebook sta facendo parlare molto di sè in questi giorni, a causa di una controversia riguardante la grafica e l’aspetto di un famoso sito di social network in Germania, StudiVz. Secondo le accuse, StudiVz avrebbe copiato Facebook. Eppure Facebook avrebbe deciso di acquistare StudiVz.

Per quale motivo? Semplice. Nonostate la tecnologia superiore, Facebook ha pochi utenti in Germania, dove appunto StudiVz ha un bacino di utenza elevato. E questo ci porta al cuore del problema. Facebook sta diventando una potenza internazionale nel settore del social networking. E, in questi casi, la soluzione più semplice per aumentare il predominio in un settore è quella di acquistare i concorrenti nei principali paesi strategici.

Nonostante un leggero ritardo rispetto ai principali rappresentanti (in primis MySpace), Facebook sta crescendo rapidamente, e non c’è ragione di non credere che ben presto la società si muoverà nel campo delle acquisizioni. L’espansione in campo internazionale è di vitale importanza per la crescita di una grande rete sociale. Soprattutto perchè, nella possibilità di una crisi negli Stati Uniti, Facebook potrebbe appoggiarsi alle altre nazioni. Per questo Facebook deve iniziare ad acquistare le reti sociali nel resto del mondo: è un compito arduo e pericoloso, ma probabilmente anche un investimento importante e redditizio.

Come nasce FACEBOOK, dall’Università al Mondo intero.

Il sito è gratuito per gli utenti e trae guadagno dalla pubblicità inclusi i banner. Nell’aprile 2006, rumors dissero che le entrate fossero di 1,5 milioni di dollari statunitensi a settimana. Gli utenti creano profili che spesso contengono foto e liste di interessi personali, scambiano messaggi privati o pubblici e fanno parte di gruppi di amici. La visione dei dati dettagliati del profilo è ristretto ad utenti della stessa rete o di amici confermati. Secondo TechCrunch, “circa l’85% degli studenti dei college ha un profilo sul sito“. Di quelli che sono iscritti il 60% si logga quotidianamente. Circa l’85% si logga almeno una volta la settimana, e il 93% si logga almeno una volta al mese.” Secondo Chris Hughes, il portavoce per Facebook, “Le persone spendono circa 19 minuti al giorno su Facebook. “In uno studio del condotto da Student Monitor, un’azienda a responsabilità limitata basata nel New Jersey specializzata in ricerca riguardante il mercato studentesco, Facebook è stato nominato come la seconda cosa più “in” tra gli studenti universitari, allo stesso posto della birra e del sesso e dopo l’iPod.

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: