Notti sicure con “Frena lo sballo, accellera la vita”

Frena lo sballo, accelera la vita” approda in costiera sorrentina. Lo slogan è quello della V edizione di “Guido e Prudenza” che, a partire dal 18 luglio e fino al 23 agosto 2008, prevede una campagna di sensibilizzazione all’uscita delle discoteche estive. Organizzata dalla Fondazione ANIA, “Frena lo sballo, accelera la vita” prevede l’utilizzo di un camper all’interno del quale due hostess e due steward inviteranno i ragazzi a provare un simulatore di guida dove verrà testata la loro capacità di stare al volante, allo scopo di verificare se tale capacità è alterata dall’utilizzo di alcolici o sostanze stupefacenti. In questo modo si tenta di allentare la morsa della polizia fuori le discoteche, verso la quale tra i giovani c’è diffidenza, facendo diventare un “gioco” responsabile il problema della sicurezza stradale notturna, causa di tante stragi del sabato sera. I ragazzi che accettano vengono invitati a compilare una scheda che permetterà loro di partecipare all’estrazione di corsi di guida sicura. Inoltre, viene data informazione circa le attività che saranno svolte al desk di “Guido e Prudenza” presso le discoteche selezionate. Contemporaneamente, due hostess e due steward effettueranno attività di promozione dell’iniziativa distribuendo i parasole sulle auto, la chiave con il flyer promozionale nella serratura di auto e moto in cui si invitano i ragazzi a scegliere il Bob del gruppo a cui consegnare “virtualmente” la chiave della propria auto. All’interno della discoteca si informeranno i ragazzi sul progetto “Guido e Prudenza” e si inviterà, al momento di lasciare la discoteca, il Bob prescelto a effettuare la prova dell’etilometro. Se il Bob risulterà sobrio lui e i suoi amici riceveranno i gadget premio promessi (t-shirt, bandana o cappellino). Parallelamente all’iniziativa di Fondazione ANIA saranno intensificati i controlli sulle strade interessate da parte della Polizia Stradale. “Le cronache purtroppo confermano drammaticamente che il maggior numero di vittime sulla strada si registra soprattutto durante i weekend, in particolare nei mesi estivi – dichiara Sandro Salvati, Presidente della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale – quando l’intensità del traffico per le vacanze si va a sommare alla guida in stato di ebbrezza. Davanti alla tragedia di questi dati, tutti abbiamo il dovere di batterci, di fare ancora di più per ridurre drasticamente gli incidenti che coinvolgono così tanti giovani. Prevenzione e controllo sono gli aspetti che contraddistinguono “Guido con Prudenza”, un’iniziativa che durante questi anni ha ottenuto risultati notevoli. La figura del “guidatore designato” può costituire un contributo importante nella lotta all’incidentalità stradale”. Le discoteche campane che aderiscono alla V edizione di “Guido e Prudenza” della Fondazione ANIA sono cinque, e tutte della penisola sorrentina:il Blu Mare club di Marina di Puolo, il Bikini di Vico Equense, Castore presso Sant’Agata Sui Due Golfi, il Nereidi di Massa Lubrense, e il Music on the rocks di Positano. Con questa campagna di sensibilizzazione la sicurezza stradale diventa un gioco a premi, dove però chi perde mette in gioco la sua vita, e rischia di compromettere anche quella degli altri. Si raccomanda di non prendere in giro il Bob, che è l’unica speranza di tornare a casa!

Alessandro Ingegno
da Corriere del Mezzogiorno

Annunci
    • pepitadorata
    • 10 agosto 2008

    ok, tutto giustissimo…solo che in Italia-pultroppo-siamo il paese degli adeguamenti a metà:infatti abbiamo assunto tutti gli obblighi dettati dalla comunità europea(patente a punti ecc…)che, per carità-sono cose giustissime e salvavita, ma non abbiamo assunto alcun vantaggio.
    Io esco con una comitiva di ragazzi e quando si va in discoteca uno di noi a turno si “sacrifica” e fa il bob(per la nostra sicurezza e quella degli altri) ma in discoteca non solo il bob di turno paga prezzo pieno ma non gli viene data neanche qualche consumazione analcolica aggiuntiva gratuita.
    allora mi chiedo:perchè prendiamo sempre e solo gli obblighi e non possiamo usufruire anche dei vantaggi di cui altri Paesi Europei godono(es. Inghilterra)?
    quello che chiedo non è meno posti di blocco ma cose “normalissime”che in Campania non esistono come servizi notturni che collegano i centri con discoteche(autobus,treni, navette, taxi a prezzi accessibili)oppure incentivi come non far pagare il biglietto al bob di turno…
    poi vediamo se serve di più di chiudere il bar alle 2.00….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: