Bolzaneto, G8: ingiustizia è fatta

A sette anni dalle violente nel “carcere provvisorio” di Bolzaneto, i giudici di Genova pronunciano la sentenza contro i 44 ufficiali, guardie carcerarie e medici imputati di aver sottoposto a sevizie più di duecento no global. Dopo dieci ore di camera di consiglio, il verdetto cancella l’ipotesi di crudeltà e tortura sostenuta dalla Procura. Assolve trenta imputati, ne condanna solo 15. Contro una richiesta di poco meno di 80 anni di reclusione, i giudici ne hanno inflitto solo 24 e, grazie alla prescrizione e all’indulto, nessuno dei condannati finirà in galera. Lo Stato si è assolto.

La Procura: “Qualcosa di grave è successo”. Laconico e imbarazzato il commento della Procura alla sentenza shock: “E’ stato riconosciuto che qualcosa di grave nella caserma di Bolzaneto è successo”, ha detto il pm Vittorio Ranieri Miniati che, insieme a Patrizia Petruzziello, ha sostenuto l’accusa. “Il tribunale – ha proseguito il magistrato – ha ritenuto di assolvere diversi imputati. Leggeremo la sentenza e valuteremo se fare appello. E’ stata comunque riconosciuta l’accusa di abuso d’autorità“.

Ma la sinistra, o quello che resta della sinistra, è sulle barricate. La sentenza su Bolzaneto è «scandalosa», dice Paolo Ferrero. «Si perpetua – denuncia in un’intervista al Corriere della sera – la tradizione italiana da Piazza Fontana a oggi: la volontà di non fare chiarezza sugli episodi realmente accaduti». E Paolo Cento affonda: «La sentenza per i fatti di Bolzaneto ci consegna una verità dimezzata dall’arrivo della prescrizione per le pene, comunque troppo miti e limitate, e lascia del tutto impunite le responsabilità politiche della gestione dei fatti del G8 di Genova».

Ventitre anni e nove mesi di reclusione per 15 imputati e assoluzione per 30: la sentenza lascia perplesso Vittorio Agnoletto, ex leader dei movimenti. «Sono stati condannati, e con pene miti, solo coloro che avevano delle responsabilità di direzione a Bolzaneto. Questo è anche il risultato dell’omertà e del tentativo di ostacolare in qualunque modo la ricerca della verità attuata in questi anni dalle diverse forze dell’ordine».

Alessandro Perugini, l’ex numero 2 della Digos genovese, imputato in un altro procedimento perchè sorpreso dall’obiettivo di un fotografo mentre tirava un calcio in faccio ad un adolescente, la Procura aveva chiesto tre anni e mezzo. E’ stato condannato a 2 anni e 4 mesi. Un altro vice-questore genovese, Anna Poggi, è stato condannato a 2 anni e 4 mesi contro i 3 anni e mezzo richiesti dal pm. Giacomo Toccafondi, il medico coordinatore del servizio sanitario a Bolzaneto, ha subito una condanna ad un anno e 2 mesi contro i 3 anni e mezzo richiesti dall’accusa. La sentenza più pesante è stata inflitta a Antonio Gugliotta, l’ispettore di polizia penitenziaria responsabile della sicurezza nella caserma: cinque anni, come richiesto dall’accusa, per aver picchiato con il manganello i giovani no global. Accolta la richiesta della Procura anche per Massimo Pigozzi l’agente accusato di aver lacerato la mano ad uno degli arrestati: 3 anni e 2 mesi contro i 3 anni e 11 mesi richiesti dai pm.

Risarcimenti per quindici milioni. Tra gli assolti, l’attuale generale della polizia penitenziaria, Oronzo Doria, all’epoca dei fatti colonnello, che la Procura voleva condannato a 3 anni e mezzo. Condannato il ministero degli Interni e quello della Giustizia a pagare i danni materiali e morali subito dalle parti civili. In media, settantamila euro per ognuno delle 209 vittime accertate. In totale circa quindici milioni di euro.

La beffa nella beffa, più crudele delle condanne fortemente ridimensionate, è proprio questa. L’incapacità della giustizia italiana di riconoscere che quel che accadde a Bolzaneto era tortura ha fatto in modo che i responsabili della caserma che accoglieva i detenuti fermati durante i cortei fossero accusati di abuso d’ufficio (art. 323 del codice penale, pena massima 3 anni), solo in alcuni casi di lesione personale (art. 582, 3 anni) o di falso (art. 479, 6 anni) perché nel nostro paese il reato di tortura non esiste. E non c’è norma che riconosca i calci, i pugni, l’attesa per ore in piedi, il passare tra due ali di agenti che picchiano, il dover cantare «Uno due tre, viva Pinochet» o «duce duce». E nei prossimi mesi prescrizione e indulto cancelleranno tutto il resto. Con l’incubo lasciato appena dietro l’angolo di un decreto «blocca processi» che poteva fermare persino questa sentenza.
Serve a poco pensare che i giudici abbiano riconosciuto anche le responsabilità dell’ex numero due della Digos genovese, Alessandro Perugini, vicequestore e dirigente più alto in grado presente a Bolzaneto, condannato a due anni e quattro mesi (invece di tre e mezzo) insieme ad Anna Poggi, vice di Canterini all’interno della struttura.
E le parole del pm Vittorio Ranieri Miniati, «nella sostanza l’accusa di abuso d’autorità (e dunque di tortura, ndr) è stato riconosciuta», lasciano l’amaro in bocca.

La rabbia dei giovani picchiati

Le richieste dell’accusa, e le condanne.

ASSASSINI

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: