Marco Pannella propone il cantiere a Sinistra

I Radicali, con in prima persona Marco Pannella, tendono la mano alla Sinistra rimasta fuori dal Parlamento. Tentano un dialogo costruttivo che permetta alle realtà sociali devastate dal voto di aprile, di ricostruirsi e ripartire. Lanciando una serie di idee e di strade.

Marco Pannella, ma come, e’ gia’ tempo di un «soggetto alternativo al Pd»? I vostri 9 radicali sono stati appena eletti in quelle liste e dite gia’ addio?
«Iniziamo col dire che la loro forma partito non e’ chiara. Il caminetto, il loft. La verita’ e’ che hanno organizzazione e regole tutte da definire. E poi, la vogliamo dire tutta?

«A Di Pietro hanno permesso di mantenere un’autonomia e stipulare un’alleanza elettorale che a noi hanno negato. E quando lui ha voltato loro le spalle, subito dopo il voto, annunciando la creazione di un gruppo, al Pd non hanno neanche protestato: segno che erano d’accordo prima. Tutto orchestrato per escludere noi, per impedire ai radicali di dar vita a un soggetto autonomo e alleato col Pd».

Ma col Pd convivete nel medesimo gruppo parlamentare. Ora che farete, andrete via?
«No. E comunque precisiamo. La nostra e’ una delegazione radicale, all’interno del gruppo del Pd. Ci e’ stata riconosciuta identita’ e autonomia. Questo e’ nei patti con la dirigenza democratica. Formalmente la situazione e’ questa. Sul piano politico, vedremo come funzionera’».

Intanto, lei lancia il progetto di un soggetto alternativo al Pd, da costruire assieme alla sinistra alternativa ormai fuori dal Parlamento. É così?

«All’Assemblea dei mille di Chianciano ho fatto un ragionamento più articolato. Ho detto che da 54 anni esiste e resiste un modello, quello del Partito radicale, al quale ci si potrebbe ispirare per dar vita con i compagni della sinistra alternativa, o arcobaleno che dir si voglia, e con tutti i liberali che vogliono starci, a un soggetto politico aperto».

Un altro partito ora che il sistema si semplifica?
«Più che un partito sara’ un cantiere, con regolari tessere pero’. Tessera doppia: ognuno potra’ militare nella propria formazione, ma anche nel nuovo soggetto. Come i radicali: Benedetto Della Vedova puo’ militare nel Pdl, come Sergio D’Elia nell’Unione della passata legislatura. Il modello e’ quello».

La doppia tessera fa pensare a una federazione.
«No. La doppia tessera serve solo a valorizzare l’adesione individuale. Non ci saranno delegati dei partiti, al congresso del nuovo soggetto, ma ogni iscritto sara’ testa autonoma e pensate, col proprio voto. Gente di sinistra. Ma chi vorra’ potra’ approdare anche dal fronte liberale del centrodestra».

Non ritiene sufficientemente «aperto» il Partito democratico di Veltroni?
«I partiti mono-tessera e monodisciplina sono superati. Il Pd e’ l’ennesimo partito standard, per altro dalla forma poco chiara perché in via di definizione. Quello a cui pensiamo invece avrebbe un suo statuto e una sua forma ben definiti».

Le prime reazioni dei vostri interlocutori, i dirigenti della sinistra arcobaleno, sono state un po’ freddine.
«Vedremo. Intanto, Cesare Salvi, autorevole esponente di quell’area, a Chianciano ha chiesto ai radicali di essere componente essenziale della nuova sinistra. Sara’ un cantiere aperto».

da Repubblica.it

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: