Italia, terra bruciata per giovani talenti

Italia terra bruciata per i giovani talenti, in particolare al sud. Gianpaolo Alvino, designer d’auto napoletano, è il classico esempio dell’incapacità del sistema Italia di saper riconoscere e valorizzare la giovane creatività made in Italy. Trentaduenne laureato in ingegneria meccanica presso l’Università Federico II, Gianpaolo Alvino ora vive a Firenze dove lavora per una multinazionale americana, ed è l’emblema della fuga di cervelli dal nostro paese. Nel suo caso a fuggire all’estero è stato il suo progetto più importante, l’auto elettrica “Comet Spark-Ev” acquistato da un’impresa americana la quale entro fine 2008 dovrebbe metterlo in commercio. La storia del designer napoletano è singolare:”Nel 2003 ho cominciato a disegnare auto per passione, nel tempo libero, e da allora non ho più smesso. Col tempo sono diventato designer d’auto a tutti gli effetti, quasi per caso. La Comet la disegnai per un concorso indetto dalla Peugeot, ma l’idea piacque molto di più alla Spark-Ev, per cui furono loro a contattarmi per offrirmi un contratto”. Il modello Comet ha un design molto particolare, pragmatico, nella sua forma a siluro, con due grosse ruote anteriori e una ruota posteriore centrale di dimensioni minori sulla quale, per guadagnare spazio, è situato il motore elettrico capace di raggiungere i 140 km/h. All’interno della due posti trionfa la pelle ma soprattutto la tecnologia, che va dal computer Xp, compatibile con heads-up display, wi-fi e bluetooth con touch-screen da 10 pollici, e un completo sistema audio-video. L’auto sarà in vendita negli Stati Uniti al prezzo di 40 mila dollari. “La Comet non è il mio progetto preferito, credo che i disegni di “Fortezza” o “Black jack” siano di qualità superiore. Il concept da cui sono partito nel progettare la Comet è stata la volontà di creare una eco-family che risolvesse i problemi della viabilità. Quello che ne è uscito è un passaggio intermedio tra l’auto e la moto”. Per un giovane valorizzato dalle imprese straniere ce ne sono tanti altri che in Italia non troveranno spazio:”In Italia esiste sicuramente un problema di incapacità nel saper valorizzare i giovani, non si investe in ricerca e sviluppo a meno che non si faccia parte di grandi imprese, di grandi gruppi di lavoro. L’arma in più dei giovani – secondo Alvino – deve essere Internet per farsi conoscere. Il problema è che molte aziende hanno i loro centri stile e non c’è la cultura della scoperta di talenti, non si investe sul nuovo, non c’è meritocrazia. Se vuoi fare il designer sei costretto ad andare a Milano o ad emigrare all’estero per diventare qualcuno. A me piacerebbe portare il design a Napoli ma da voi il sistema è bloccato”. Sicuramente le proposte al designer napoletano non mancano:”Per quanto riguarda i miei progetti futuri ho avuto richieste dalla Cina e sono stato contattato da una società indiana che produce scooter elettrici, per disegnare uno scooter a 3 ruote per famiglie. Si tratta di un modello particolarissimo, con 2 posti tandem per adulti e 2 posti tandem per bambini. Inoltre ho iniziato una collaborazione con Matchup, della Delirious game, un gioco per Playstation3 nel quale sarà presente una scuderia di auto disegnate da me”. Il mercato dell’auto è giunto ad un momento cruciale di cambiamento, per via del prezzo del petrolio alle stelle e dell’inquinamento, ma è ancora presto per capire se il mercato prenderà seriamente una direzione eco-compatibile. Secondo Gianpaolo Alvino “il futuro dell’auto sarà elettrico, perché investire nell’idrogeno è troppo costoso, anche se si stanno già creando le prime stazioni di servizio. L’elettrico sta crescendo e credo abbia buoni margini di miglioramento. L’ideale sarebbe investire in ricerca perché esistono motori alternativi”. Intanto gli americani beneficeranno dell’auto elettrica disegnata da un napoletano, grazie all’incapacità italiana di investire sul talento dei giovani, mentre gli automobilisti italiani non potranno acquistarla. E’ il mercato bellezza.

il sito di Gianpaolo Alvino

Alessandro Ingegno

da Corriere del Mezzogiorno

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: