Non importano più la mozzarella.

Dopo Corea del Sud, Taiwan e Giappone, anche le autorità Russe e la Germania stanno monitorando il prodotto, già scomparso dai ristoranti

da Corriere del Mezzogiorno

 

perdite di 30 milioni di euro (LaPresse)
I produttori: perdite di 30 milioni di euro (LaPresse)

Dopo la Corea, Taiwan e il Giappone, ora è la volta della Russia accendere la «spia rossa» dell’allarme. Secondo il quotidiano moscovita «Kommersant» le autorità stanno conducendo analisi, ma intanto da molti ristoranti e supermercati il prodotto campano è già sparito dai menù e dagli scaffali. «Kommersant» sottolinea che, al momento, si tratta di una iniziativa dei gestori e non di un provvedimento ufficiale, e non è comunque esteso alle mozzarelle provenienti da altre regioni. Alle dogane, gli addetti controllano con attenzione i certificati di provenienza, e lasciano passare senza problemi i prodotti caseari che risultano in regola. Le mozzarelle «targate Campania» vengono invece sottoposte a verifiche: la misura, sottolinea il capo medico sanitario Ghennadi Onishenko citato dal quotidiano, serve più che altro a evitare che partite di prodotti contaminati possano venire contrabbandati assieme ad altri formaggi teneri italiani.

Ma al lungo elenco delle nazioni che dicono stop all’importazione della mozzarella campana potrebbe aggiungersi, purtroppo, anche la Germania. Se i test sulla diossina nella mozzarella di bufala dovessero risultare positivi, un blocco delle importazioni di questo prodotto sarebbe «comprensibile». Parole del portavoce del ministero dell’Ambiente tedesco, Thomas Hagbeck, che aggiunge «aspettiamo prima i risultati dei test». Prosegue: «In Germania il ministero dell’Ambiente ha la responsabilità anche sui casi di contaminazione o possibile contaminazione del cibo con diossina, come potrebbe essere quello della mozzarella di bufala italiana», ha spiegato all’Ansa Thomas Hagbeck. Anche la portavoce del ministero per gli Alimentari, l’Agricoltura e la Protezione dei consumatori, Sandra Pabst, ha sottolineato che il governo non ha ancora «ricevuto alcun avviso dal Sistema rapido di allerta della Commissione europea o dall’Italia».

Il «caso-bufala» sulla prima pagina di «The Indipendent»

GIAPPONE

– Nessun bando formale delle importazioni, ma solo un fermo cautelativo della merce presente nelle dogane in attesa dei risultati delle analisi sulla presunta contaminazione da diossina del noto prodotto made in Italy. Lo riferiscono fonti dell’ambasciata d’Italia a Tokyo, secondo cui al momento sono da escludere provvedimenti di sequestro da parte delle autorità sanitarie nipponiche. La decisione, che interessa tutta la merce giunta in Giappone da venerdì scorso, è scattata sulla scia del blocco delle importazioni appena decretato dalla vicina Corea del Sud, che negli scorsi giorni ha proibito l’importazione di mozzarelle di bufala italiane dopo aver registrato, nell’analisi di alcuni campioni, una contaminazione da diossina. Il fermo precauzionale riguarda indistintamente tutti i prodotti ancora da sdoganare nei due principali aeroporti del Giappone, Narita a Tokyo e Kansai a Osaka. Secondo le prime stime, la merce attualmente ferma presso le dogane nipponiche ammonta a oltre quattro tonnellate di mozzarella fresca sia di bufala sia di mucca, prodotta da 23 aziende italiane e arrivata esclusivamente per via aerea.
La mossa delle autorità sanitarie nipponiche, che al contrario di quelle sudcoreane non hanno disposto un bando ufficiale né l’avvio di analisi in proprio, è da ritenersi una scelta di estrema cautela nei confronti dei consumatori del Sol Levante, ancora scossi dal recente scandalo alimentare dei «ravioli avvelenati» cinesi: tra dicembre e gennaio, infatti, dieci persone erano rimaste intossicate dopo aver consumato ravioli congelati prodotti in Cina, che successive analisi condotte in Giappone avevano rivelato contenere una quantità di pesticida 10.000 volte superiore a quella prevista dalla legge.

NEW YORK TIMES – Rifiuti e mozzarella inquinata: causa ed effetto secondo l’autorevole New York Times, che scrive: «A causa dell’inquinamento della zona di produzione – la provincia di Napoli, che negli ultimi mesi è stata al centro dello scandalo dei rifiuti – il latte con cui è fatta la mozzarella risulta contaminato da agenti chimici. La conseguenza è che le vendite sono diminuite del 40 per cento».

 

COREA

– Il governo di Seul ha proibito, invece, l’importazione di mozzarelle di bufala italiane nel fine settimana, promettendo di togliere il bando non appena i riscontri, tuttora in corso, permetteranno di confermare o meno l’eventuale contaminazione e identificare il produttore responsabile. La Corea del Sud importa ogni anno circa 10 tonnellate di mozzarella di bufala.

LE PERDITE – È allarme vendite. Nei mesi di gennaio e febbraio 2008 si è registrata una contrazione del 30%, rispetto allo stesso periodo del 2007, tra mercato interno ed export, per un valore stimato dal «Consorzio di Tutela» in 30 milioni di euro. I danni di questo allarme, secondo il Consorzio, si vedranno però nelle prossime settimane. «Il nostro auspicio – dice il Consorzio – è che la situazione si risolva al più presto, poichè i mesi primaverili ed estivi, coincidono normalmente con un aumento della domanda di mozzarella di bufala, alla quale si accompagna, trattandosi di un prodotto fresco, anche un aumento di produzione». Il settore della mozzarella di bufala campana Dop ha un fatturato annuo che si aggira intorno ai 300 milioni di euro, al Consorzio di Tutela aderiscono 131 caseifici, «per i quali non esistono allarmi – fa sapere il Consorzio – poichè tutti i valori relativi ai nostri aderenti sono entro la norma».
IL VERTICE A ROMA – L’allarme per la contaminazione da diossina è «limitato e contenuto, e la stragrande maggioranza degli allevamenti e della mozzarella prodotta è indenne da contaminazione. Abbiamo però purtroppo riscontrato alcune positività». Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta, nel corso di un vertice in corso al ministero sulla situazione generale del settore zootecnico legato agli allevamenti di bufale in Campania. Al summit partecipano la Regione Campania, rappresentanti del ministero dell’Ambiente, delle Politiche Agricole, degli Esteri e del Commercio internazionale, oltre agli istituti zooprofilattici interessati.
D’ALEMA – «È un allarme del tutto eccessivo ed immotivato», perchè sono stati finora effettuati controlli su 132 produttori caseari e sono state rilevate «tracce di diossina solamente in nove casi». Così il vice premier e ministro degli Esteri, Massimo D’Alema, a margine di un convegno alla Luiss, commenta le reazioni e l’allarme diossina nella produzione di mozzarelle di bufala e prodotti caseari campani. Il responsabile della Farnesina ha tenuto a sottolineare come, d’altra parte, questo sia un problema «non specificatamente campano, la cui pericolosità per le persone è molto limitata» ed ha lanciato un appello a «non strumentalizzare il tema in chiave elettoralistica».
NAS: BOLLA MEDIATICA – «Nessun bando» alle importazioni di mozzarelle italiane da parte della Corea del Sud, del Giappone e di Taiwan, «ma solo piu’ controlli». Ad assicurarlo è il generale Saverio Cotticelli, comandante dei Carabinieri per la tutela della Salute. Il comandante dei Nas precisa che i risultati sull’eventuale contaminazione da diossina «non sono ancora pronti, dobbiamo attendere i tempi tecnici necessari per avere i dati attesi». Ma sulla situazione delle mozzarelle si sarebbe generato, secondo il comandante, «troppo allarmismo. Si tratta di una bolla mediatica, per ora è tutto un teorema e non c’è nulla di concreto. Eppure – conclude – si tratta di una situazione delicata che ha ripercussioni sull’economia di una regione già estremamente provata».
Annunci
  1. La Mozzarella non sarà più importata da Giappone, Corea Russia e Taiwan. per cominciare. Probabilmente l’economia campana che si basa su questo prodotto, fondamentale per la PIZZA affonderà a breve. Il Pil campano è basato su questo tipo di prodotti della Terra, non sulla salute, e quindi qui continueremo a venderli. Ma chi pagherà per questi danni?pagherà mai qualcuno? Il PD fa finta di niente, e la Destra pensa di candidare Rastrelli, colui che ha cominciato il disastro della gestione rifiuti. Gli incapaci che ci governano non sanno gestire questa situazione, non sanno rassicurare la popolazione, figuriamoci se rassicurano gli stranieri che importano i prodotti. Devono andare in carcere i colpevoli di questo disastro.
    Aiutiamo la Campania.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: